mercoledì 13 aprile 2011

Rocky Balboa, ovvero "La vecchiaia è soltanto una leggenda metropolitana"



Ho creduto degno concludere la Fake-maratona di Rocky(fake perchè il V me lo son gioiosamente saltato, ci tengo alla mia salute mentale) con la visione dell'ultimo capitolo della saga.
Così come in John Rambo, Stallone decide di dare come titolo al film il nome completo del protagonista, Rocky Balboa.
Dopo aver sconfitto il re degli sbruffoni Apollo Creed, il cattivissimo Clubber Lang aka B.E.Baracus aka Mr.T, il gigantesco e dopato Ivan Drago da matre Russia e l'allievo sbruffone di cui non ricordo assolutamente il nome, stavolta Rocky...gestisce un ristorante.